Natale di Roma, da Morricone a Canova quest’anno si festeggia online

Oggi Roma compie 2.773 anni. Secondo la tradizione il 21 aprile del 753 a.C. Romolo tracciò i confini sacri e fondò la sua città. Se il contesto non è dei migliori, la città eterna ha trovato il modo di celebrare il suo Natale in modo alternativo. “Stiamo attraversando un momento difficile, insieme a tutta l’Italia e al resto del mondo. Sapremo rimetterci in cammino, come sempre nella nostra storia”, ha dichiarato la sindaca di Roma Virginia Raggi. “Per festeggiare i 2.773 anni di vita di Roma, abbiamo preparato un programma speciale con le nostre istituzioni culturali, insieme ai tanti personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura che celebreranno con noi questo appuntamento”.

Gli enti del territorio romano hanno organizzato eventi virtuali da seguire che dureranno fino alla mezzanotte. E ce n’è per tutti i gusti.

Musica

Ad aprire la programmazione offerta dall’Accademia Santa Cecilia è stato il maestro Ennio Morricone, con un suo personale saluto a tutti i cittadini romani. A seguire un omaggio in musica degli Archi di Santa Cecilia, diretti da Luigi Piovano, con Paolo Pollastri solista.

Alle 15 è stato pubblicato il video “Roma come non l’hai mai sentita” girato da Fabio Lovino con Antonio Pappano, Direttore musicale dell’Accademia, come protagonista. Da Piazza di Spagna a Fontana di Trevi passando per il Colosseo, per arrivare all’Auditorium Parco della Musica, un viaggio tra i luoghi più iconici della città.
Tutt’altra musica arriva dal maestro Ambrogio Sparagna. Sul profilo dell’Auditorio Parco della Musica ha proposto uno stornello romano improvvisato per omaggiare la tradizione della cultura romanesca.

Arte – Il Museo di Roma di Palazzo Braschi offre una visita virtuale e guidata della mostra “Canova. Eterna bellezza” per scoprire le particolarità e la storie delle opere del celebre scultore.
Sul proprio canale Spotify  il museo d’arte contemporanea MACRO ha pubblicato una speciale playlist interamente dedicata alla città, per evocare attraverso l’ascolto la storia e le atmosfere di Roma.

Teatro – Per chi ha nostalgia del sipario il Teatro dell’Opera ha proposto il capolavoro di Vincenzo Bellini, La sonnambula, e il video della serata inaugurale delle celebrazioni per 150 anni di Roma Capitale dello scorso 3 febbraio al Teatro Costanzi con la partecipazione di tanti talenti italiani come Andrea Bocelli e Ezio Bosso.

Letteratura – Non poteva mancare il poeta Giuseppe Gioachino Belli. Per l’occasione la Sovrintendenza capitolina ai Beni culturali ha organizzato una maratona di lettura dei sonetti del poeta romanesco. La manifestazione ‘Le lingue der monno. Parole, paroline, parolacce’ da qualche anno accompagna il compleanno della città e per questa volta si sposta online con una staffetta virtuale di lettura.

Cinema – A partire dalle 22 i palazzi romani diventeranno dei grandi cinema all’aperto, grazie a #cinemadacasa. Il flashmob cinematografico promosso da Alice nella città e Fondazione Cinema per Roma. Saranno proiettate alcune note sequenze di film girate nella Capitale, e saranno visibili sulla pagina di CityFest. Le scene tratte da opere come La grande bellezza di Paolo Sorrentino, La dolce vita di Federico Fellini, Sacro GRA di Gianfranco Rosi, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti saranno commentate da alcuni dei loro protagonisti come Sabrina Ferilli, Laura Delli Colli e Mario Sesti.

Tv – In seconda serata su Rai2 durante la trasmissione ‘Patriae’ verrà trasmesso lo spettacolo-omaggio alla città eterna realizzato e prodotto dal Campidoglio grazie alla collaborazione gratuita di un gruppo di professionisti. Max Giusti lo interpreterà in un viaggio tra i Musei Capitolini e i Fori Imperiali. Lo spettacolo sarà poi disponibile online a partire dal giorno successivo sui canali di Roma Capitale.

Tutta la programmazione ora per ora si può consultare nell’evento Facebook Natale di Roma 2020.

Dalla nostra corrispondente ROBERTA LANCELLOTTI

Per l’emergenza coronavirus la redazione di FuturaNews si è organizzata per lavorare diffusa sul territorio di appartenenza degli studenti giornalisti praticanti del Master Giorgio Bocca, che ha attivato la formazione a distanza.
Per questo le notizie locali dal 12 marzo saranno firmate dai nostri “corrispondenti”, sparsi dal Piemonte alla Lombardia, dall’Emilia Romagna alla Toscana, dal Lazio alla Campania fino alla Puglia e al Friuli Venezia Giulia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *