Coronavirus: Torino dimezza i livelli di smog con lo stop al traffico

Via Po @Nadia Boffa

In piena emergenza sanitaria, il Comitato Torino Respira – nato per promuovere iniziative finalizzate a migliorare la qualità dell’aria nella città di Torino e nell’area metropolitana torinese – è tornato a parlare di inquinamento atmosferico.

Lo ha fatto on line con una video conferenza pubblica seguita da quasi 80 partecipanti.  

In quell’occasione, sabato 28 marzo, il Comitato ha esposto i dati che mostrano la riduzione degli inquinanti nel periodo successivo all’introduzione delle misure di contenimento della diffusione del Coronavirus e la conseguente riduzione del traffico veicolare. 

Si tratta di numeri che segnalano una diminuzione del 49% per il biossido di azoto e del 53% per il Pm10 – le polveri sottili – prima e dopo i provvedimenti di limitazione degli spostamenti. Nello specifico, nei periodi antecedente la chiusura delle scuole (6 febbraio – 21 febbraio), successivo alla loro chiusura (22 febbraio – 10 marzo) e post chiusura attività commerciali (11 marzo – 26 marzo). Inoltre, è stata rilevata anche una diminuzione del traffico, tra il 26 e il 10 marzo, del 22% in termini di chilometri percorsi. Del 25% in termini di veicoli circolanti a livello cittadino e del 55% nella Ztl.

Le fonti dei dati sono il “Sistema di Rilevamento della Qualità dell’Aria” della Regione Piemonte, i dati sulla mobilità a Torino di 5T Stl, i dati meteo dalla Stazione Meteorologica di Fisica dell’Atmosfera, Dipartimento di Fisica – Università degli Studi di Torino e l’Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera (IREA).

La decisione di proporre questi numeri è nata dalla volontà di far luce sulle notizie pubblicate nei giorni scorsi che avevano messo in dubbio una relazione tra la riduzione del traffico su strada urbano, e una diminuzione dei principali inquinanti atmosferici.

“Come è solito dire un mio amico – ha sottolineato sabato Roberto Mezzalama, presidente del comitato – questo è un periodo ideale per fare delle figuracce se si parla troppo in fretta. Bisognerebbe, invece, acquisire l’abitudine di fermare i buoi e fare qualche riflessione. Prima di trasformarci tutti in virologi, fisici dell’atmosfera. Ed esperti di traffico.

Qui il link con la presentazione dei dati.

RICCARDO LIGUORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *