Torino Underground Cinefest si sposta sul web

Il Torino Underground Cinefest la rassegna dedicata al cinema indie, per la sua settimana edizione farà compagnia al pubblico dal 22 al 28 marzo cambiando sede: dall’Ambrosio Cinecafè si sposta nel mondo virtuale, in particolare sui siti Indiecinema e MyMovies. Nel primo caso, si potrà fruire delle proiezioni proposte con un contributo di 5,99 euro. Una piccola spesa se si pensa che chi lo vorrà potrà guardare tutti i 45 film proposti qui dall’evento ma anche beneficiare di un mese di abbonamento sulla piattaforma che ospita 150 pellicole. Su MyMovies, invece, verranno proposti 7 film gratuitamente. Si tratta solo in parte di una novità. Anzi, forse sarebbe meglio parlare di un tuffo nel passato. Il Torino Underground Cinfest infatti nasce sette anni fa proprio come festival online. In quella che è stata la sua prima stagione, erano presenti due sezioni in concorso: lungometraggi e cortometraggi. E due commissioni giudicatrici. Dopo il successo riscontrato si è deciso di trasportare l’evento dal mondo virtuale a quello reale.

“Si tratta di un cinema “invisibile” che ha tanto da dire e insegnare. Un cinema capace di emozionare e trattare temi non convenzionali con linguaggi spesso originale”, sottolinea il direttore artistico Mauro Russo Ruge.

Il festival del capoluogo piemontese dedicato alla “settima arte” – e in particolare alle pellicole che hanno come comune denominatore il low budget – non si arrende ma rispetto al programma stilato precedentemente all’esplosione della pandemia da Covid-19, ha dovuto rinunciare ad alcuni eventi speciali fuori concorso. La masterclass con Hervé Scheid , editor francese de “Il favoloso mondo di Amelie”, la presenza di molti autori e infine una festa di apertura e chiusura nel foyer del cinema Ambrosio.

Il catalogo che da oggi verrà proposto al pubblico consta di circa cinquanta pellicole, tra cortometraggi e lungometraggi, provenienti da tutto il mondo.

Dalle 14 di domenica 22 marzo sul sito Indiecinema saranno disponibili i primi 6 film in concorso. Si tratta di “Olma Djon” di Victoria Yakubov, “Anna” di Dekel Berenson, “Bertin” di Elise Lausseur, “Electric swan” di Konstantina Kotzamani, “Ghost of a chance” di Manes Duerr e “Tattoo” di Farhad Delaram.

Alle 22 invece su MyMovies verrà proposto il film sperimentale “Occidente”, opera prima del regista spagnolo Jorge Acebo Canedo. Una proiezione che racconta il rapporto tra un un regista – che fa ritorno alla sua città industriale – e Gloria, una donna che non vedeva da molti anni.

RICCARDO LIGUORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *