Angoli di America con il nuovo campo da basket di piazza d’Armi

Da sinistra la sindaca Chiara Appendino, Marco Belinelli, Franco Nava di Ubi Banca, Mark Osikoya, Nba Eme Associate Vice President

La pallacanestro avvicina Torino agli Stati Uniti d’America. Questa mattina, 22 giugno, Ubi Banca, partner della lega americana di basket Nba, ha inaugurato con il patrocinio della Città di Torino il rinnovato campo da basket di piazza d’Armi, nel parco Cavalieri di Vittorio Veneto.
In playground come questo, nelle sfide con gli amici all’aperto, hanno mosso i primi passi tanti cestisti di talento. A proposito di campioni, il testimonial dell’evento è stato Marco Belinelli, unico italiano ad aver vinto un titolo Nba in carriera. Guardia dei San Antonio Spurs, Belinelli gioca negli Usa dal 2007 ma è un punto fermo della Nazionale azzurra che il prossimo 31 agosto torna ai Mondiali di pallacanestro tredici anni dopo l’ultima volta.

“Avevamo già realizzato un progetto analogo l’anno scorso nel parco della Cecchina di Roma – ha detto Franco Nava, responsabile di Ubi Banca per l’area nord-ovest – abbiamo ristrutturato questo campo in dodici giorni di lavoro. È stato possibile solo grazie a una forte sinergia con la città”. Collaborazione confermata dalla sindaca Chiara Appendino che dopo il taglio del nastro ha tentato di fare canestro con il primo tiro libero del nuovo campo:”Questa riqualificazione restituisce alla comunità uno spazio in cui incontrarsi, divertirsi e fare sport. Tutti ora siamo chiamati ad averne cura”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Due tornei di basket tre contro tre, maschile e femminile, lezioni speciali per ragazzi e bambini con tecnici professionisti hanno arricchito una giornata che conferma la forza del legame tra la pallacanestro e Torino. Solidità certificata anche dalla recente nascita della società Basket Torino, l’anno prossimo in A2 e desiderosa di far dimenticare in fretta il fallimento dell’Auxilium, e dalle rinnovate ambizioni della Pallacanestro Torino in campo femminile.

LUCA PARENA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *