28 marzo 2019: il mondo alle 12.30

Apriamo il nostro giornale con l’incendio scoppiato in un grattacielo a Dacca, capitale del Bangladesh. Diverse persone sono rimaste intrappolate all’interno dell’edificio di 19 piani. Alcune si sono lanciate dalle finestre nel tentativo di salvarsi.

Ci spostiamo a Malta, dove sono sbarcati i migranti che ieri avevano dirottato un mercantile. La marina militare maltese ha fatto attraccare la petroliera El Hiblu 1 a La Valletta: pur di non fare ritorno a Tripoli, i migranti avevano preso il controllo dell’imbarcazione. A bordo in 108: 19 le donne e 12 i bambini. Tre i migranti in manette.

Missione Sophia: l’operazione lanciata dall’Unione Europea per contrastare il traffico illegale di esseri umani continuerà per altri sei mesi, senza però l’impiego di unità navali. È quanto prevede l’intesa raggiunta ieri dagli ambasciatori dei 28 paesi riuniti nel Cops, il Comitato politico e di sicurezza. Critiche dalla Commissione Europea che commenta “Sophia è un’operazione marittima e senza navi non sarà in grado di eseguire il suo mandato”.

Sea watch, Salvini rischia un altro caso Diciotti: la Procura di Roma ipotizza il reato di sequestro di persona, dopo che a gennaio fu negato l’approdo alla nave con a bordo 47 migranti. Il fascicolo, per ora contro ignoti, è stato trasmesso alla procura di Siracusa che dovrà valutare eventuali profili di competenza del tribunale dei ministri di Catania.

Passiamo all’economia: crescita zero nel 2019. Confindustria gela le speranze del governo, abbassando le stime di crescita dell’esecutivo e prevedendo un dato nullo. Il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia avverte: “Dal governo serve una scossa. Il rallentamento dell’economia costringe a reagire”

Via libera definitivo al decreto legge che contiene reddito di cittadinanza e quota 100: il provvedimento è stato approvato in Senato con 150 voti a favore e 107 contrari.

Esteri, Brexit: la premier britannica Theresa May annuncia le dimissioni se il Parlamento approverà il suo accordo con l’Unione Europea.

Torniamo in Italia. Oggi il voto definitivo al Senato sulla legittima difesa. Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini annuncia che sarà presente per assistere all’ultimo step della proposta su cui la Lega aveva basato gran parte della propria campagna elettorale: si allargano così i criteri per cui l’autodifesa sarà da considerarsi legittima.

In chiusura, i David di Donatello: Matteo Garrone trionfa con Dogman conquistando nove premi, tra cui miglior film, miglior regia e miglior sceneggiatura. Alessandro Borghi, premiato come miglior attore per il film “Sulla mia pelle”, ha dedicato la vittoria a Stefano Cucchi e “all’importanza di essere riconosciuti come esseri umani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *