Equinozio di primavera sulle note della poesia

Il 21 Marzo inizia la primavera ma, per chi non lo sapesse, da vent’anni, grazie all’UNESCO, è anche la giornata mondiale della poesia. E così a Torino si è scelto anche quest’anno, dopo il successo dello scorso, di dedicare un intera giornata a questa forma d’arte, in un convegno dal titolo La musica della poesia – La musique de la poesie: giornata internazionale di studi e soirée poétique.

“Musica della poesia perché ci siamo proposti di affrontare l’ambito sonoro del testo poetico, la voce e il suono derivanti dalla lettura della poesia; un settore di studio nuovo in Italia”, spiega Valentina Colonna, dottoranda in Digital Humanities tra Torino e Genova, una delle organizzatrici e curatrici del convegno, che è anche il primo in Italia ad occuparsi di questa materia.

La manifestazione di giovedì 21 Marzo, che è organizzata dal Laboratorio di Fonetica Sperimentale “Arturo Genre” dell’Università di Torino, col sostegno e il patrocinio dell’Ateneo, dell’Ambassade de France en Italie, dell’Institut Français e dell’ Alliance Française, sarà divisa in due parti: una prima, istituzionale, che si terrà dalle 9 alle 18 presso Palazzo Badini – Gonfalonieri in Via Verdi 10, vedrà la partecipazione di ricercatori ed esperti dell’Università, mentre la seconda, che si terrà al Circolo dei lettori, coinvolgerà il pubblico in una soirée poétique, in cui ci sarà la lettura corale di tredici poeti. 

Una giornata dedicata alla poesia, “che non è antiquata come molti pensano – afferma la poetessa Colonna – anzi è molto attuale, anche nel nostro paese”. Ma soprattutto una giornata dedicata ad una particolare sfumatura della poesia, la musica. Una cosa che non si sente tutti i giorni. Valentina Colonna nella vita cura un archivio vocale dove numerosi poeti registrano la lettura delle poesie. “Negli ultimi tempi è tornata di moda in molti paesi la recitazione delle poesie. L’Italia è ancora un po’ indietro da questo punto di vista, perché si è sempre privilegiato il contenuto al suono, alla melodia”.

Tanti i nomi importanti della poesia internazionale, come i francesi Joël Vernet e Jean Pierre Lemaire, e i poeti italiani Lino Angiuli, Ida Travi e Giampiero Neri, cui si affiancherà l’esibizione dell’arpista di fama internazionale Vincenzo Zitello.  Ma anche docenti di atenei italiani e francesi come Luca Zuliani, Giancarlo Schirru, Rodolfo Delmonte, Abigail Lang e Philippe Martin, che approfondiranno il tema della musica della poesia da più prospettive. 

Durante le letture serali poi, insieme ai poeti del mattino, saranno presenti anche i poeti del panorama piemontese come Mario Baudino, Beppe Mariano, Valeria Rossella e la stessa Valentina Colonna. Musica e poesia saranno ancora protagoniste nella performance attesa per la soirée poètique al Circolo dei lettori, curata dal poeta, cantante e attore Emile Proulx Cloutier, invitato dalla delegazione del Québec, che si esibirà nel canto e al pianoforte. 

Una giornata polifonica, che vedrà la partecipazione non solo di poeti, ma anche di professori, musicisti ed altri artisti. Minimo comune denominatore la musica, il linguaggio universale per eccellenza, che trascende le parole e unisce nell’emozione. Appuntamento allora per il 21 marzo, per un inizio di stagione sulle note della poesia. 

NADIA BOFFA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *