Sgombero ex-asilo, sequestrati 27 caschi e decine di protezioni

Ventisette caschi neri e circa 80 parastinchi e altre protezioni: erano nascosti in un sottotetto nell’ex-asilo occupato in via Alessandria sgomberato giovedì 7 febbraio scorso. Gli oggetti sono stati recuperati dalla Digos di Torino nel corso delle operazioni di sgombero, erano celati in un solaio sopra l’area cucina e a cui era possibile accedere attraverso una botola. 

“Ribadisco che l’asilo era un luogo dove non si pensava solo a realizzare proteste sociali, ma dove la protesta veniva vissuta come punto di partenza per altri obiettivi”, spiega il questore di Torino, Francesco Messina in conferenza stampa. 

Il Questore ha confermato che i lavori per la messa in sicurezza dell’asilo andranno avanti finché sarà necessario difendere lo stabile da possibili tentativi di riappropriazione degli ex-occupanti e si è scusato con gli abitanti del quartiere Aurora per i disagi causati in questi giorni. “Garantiremo l’ordine pubblico -ha dichiarato Messina ai giornalisti- la sicurezza delle persone, degli stessi manifestanti e dei nostri uomini, finché la situazione non si sarà tranquillizzata”.

Sugli oggetti trovati dalla Digos, Messina non ha dubbi: “Si tratta di materiale necessario a proteggersi in situazioni che prevedono travisamento e ricorso alla violenza. Credo sia importante che si sappia cosa veniva custodito lì dentro”.

ROBERTA LANCELLOTTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *