Orientamento al lavoro per le over 30: aperte le candidature per dieci posti

L’impegno nella cura della famiglia, trovarsi in un Paese straniero, una malattia: sono solo alcune delle ragioni che possono rendere difficile, soprattutto per le donne, trovare o ritrovare lavoro.

Proprio per supportare le donne in cerca di occupazione che affrontano situazioni di difficoltà è nato il progetto “Donne: identità al lavoro”, percorso di accompagnamento al lavoro promosso da Fondazione Adecco per le Pari Opportunità in collaborazione con Adecco, Mylia  – la società del gruppo Adecco che si occupa di formazione – e l’associazione Scambiaidee, sostenuto dalla Fondazione CRT nell’ambito del bando “Iniziativa Lavoro”.

L’iniziativa, che giunge alla terza edizione, è rivolta a donne sopra i trent’anni che attraversano, per varie ragioni, una fase delicata della loro vita personale e professionale: nuclei familiari monogenitoriali, eventi destabilizzanti che hanno modificato l’equilibrio di vita della persona, come una malattia, o ancora reddito nullo o molto basso, ma con competenze e motivazione spendibili in ambito lavorativo. Una ventina sono i tirocini avviati nel corso delle prime due edizioni: ecco alcune testimonianze di partecipanti della prima edizione, raccolte dalla Fondazione Adecco.

La storia di Stella

La storia di Eva

“Il progetto nasce dall’impegno che la Fondazione porta avanti da sempre sulle tematiche di genere: mentre per le fasce più giovani e per gli ultra 50 enni ci sono vari incentivi all’assunzione, c’è una sorta di “vuoto” per quanto riguarda le donne dai trenta ai cinquant’anni”, spiega Claudia Previotto, responsabile sviluppo progetti e fundraising Fondazione Adecco per le Pari Opportunità.

I dati del rapporto “Giorgio Rota” del 2017 lo confermano: “Torino è la metropoli meno brillante del centro-nord per situazione occupazionale, ed è al sesto posto in Italia per tasso di occupazione maschile e femminile; le donne occupate sono il 57,5%. È anche una delle metropoli più a basso reddito del settentrione”, aggiunge Previotto.

Il percorso, impostato su un impegno part-time, prevede una prima parte di orientamento, una di ricerca attiva e di formazione – quest’anno come addetta alla segreteria e reception -, e tre mesi di tirocinio in aziende partner del progetto: Pacific Hotel, Grom – Il gelato come una volta, Energiaresa Service Group, Torino Sweethome, Flunch Italia, Soleve.it, Quattrolinee e Oltre il Dato. 

La parte di orientamento e monitoraggio è svolta dall’associazione torinese di professioniste Scambiaidee: “Sin dalla fondazione, nel 2000, abbiamo tenuto in massima considerazione l’aiuto alle donne in un’ottica di autonomia e di realizzazione dei propri desideri.  La priorità è quella di essere autonome economicamente grazie al lavoro”, afferma la presidente Carla Napoli.

I posti disponibili sono dieci e le candidature vanno inviate entro il 1° marzo a claudia.previotto@fondazioneadecco.it; seguirà un colloquio di selezione. Per ulteriori informazioni contattare Irene Canavese telefonando allo 02 88142605.

ADRIANA RICCOMAGNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *