Mini Maker Faire: Torino celebra makers e artigiani digitali

Dall'archivio

Torino celebra la cultura dei Maker, l’arte del fare e del saper fare degli artigiani digitali del XXI secolo. Dall’1 al 3 giugno si terrà la quinta edizione di Torino Mini Maker Faire. Faranno da sfondo i suggestivi spazi post-industriali di Fablab Torino e Toolbox Coworking​, tra via Egeo e via Agostino da Montefeltro. La giornata di venerdì 1 giugno sarà dedicata ad attività per le sole scuole, mentre per tutto il weekend del 2 – 3 giugno​ si svolgerà l’evento aperto al pubblico, gratuito​ e adatto a tutta la famiglia.

Dopo il successo dell’edizione 2017, che nelle giornate del 27 e 28 maggio ha coinvolto oltre 100 maker e 8.000 visitatori​, quest’anno la manifestazione si prefigge l’obiettivo di raccontare la rivoluzione digitale​ che sta cambiando il modo in cui produciamo e il mondo in cui viviamo.

Esplorare Mini Maker Faire significherà percorrere la strada che dall’innovazione nella sua forma più
genuina, che nasce “dal basso”, conduce all’Industria 4.0.

Maker​, artigiani​, startup​, studenti, professionisti e appassionati di ogni età e background avranno a disposizione oltre 1.500mq di spazio espositivo per presentare al mondo i frutti del proprio ingegno.
Numerose aree tematiche abbracceranno tecnologia ​e artigianato digitale​, stampa 3D​, elettronica e robotica​, coding​, Internet of Things​, domotica​, biotecnologia​, nanotecnologia​, wearable tech e molto altro. Da quest’anno anche un’Area Scuole,​ pensata per dare il giusto risalto agli esempi virtuosi di Steam Education tra i banchi di scuola, e l’immancabile Area Fablab for Kids​, dove i più piccoli potranno muovere i primi passi nel mondo delle nuove tecnologie.

Completano l’evento un ricco programma di Workshop e Talk di grandi ospiti: basti citare Massimo Banzi​, Alessandro Ranellucci ​e Raffaele Meo​.

In contemporanea, Share Festival XIII darà spazio all’arte elettronica e digitale, declinata attorno all’affascinante figura di Frankenstein – Il moderno Prometeo, leggibile anche come uno dei primi esempi letterari di automa. In esposizione, oltre alle opere in concorso per Share Prize, anche i risultati del workshop ArtMaker​, che vede gli artisti in collaborazione con i maker del Fablab Torino.

Non mancheranno un’Area Food e un rinfresco serale con performance artistiche e musicali​, sempre coerenti con lo spirito innovativo dell’evento.

Qui il programma completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *