Borsalino, accordo per rinviare la scadenza del contratto d’affitto

Borsalino, i cappelli di Alessandria dal 1857 (foto da Wikipedia)

Sul futuro di Borsalino si intravedono nuove possibilità. La scadenza del contratto d’affitto del ramo d’azienda in mano alla Haeres Equita dell’imprenditore svizzero Philippe Camperio, fissata per domani, verrà posticipata. L’indiscrezione arriva da ambienti vicini ai protagonisti della vicenda, e all’orizzonte si profila un rinvio nella trattativa. Secondo quanto appreso da Futura News l’annuncio dell’accordo tra curatore fallimentare e affittuari dovrebbe arrivare già nelle prossime ore. Una stretta di mano che darà tempo ai due interlocutori di portare avanti il dialogo e che rappresenta un riavvicinamento dopo settimane turbolente. Su quale sia il destino della società, in ogni caso, rimangono dubbi. Il curatore, Stefano Ambrosini, punterebbe a definire l’entità dei debiti da estinguere per arrivare all’asta fallimentare. Camperio e soci, dall’altro lato, finora non hanno fatto alcun passo indietro, anzi. Tre settimane fa, in assemblea, lo svizzero aveva rilanciato il suo piano industriale spiegando di voler “continuare a gestire l’azienda e le sue attività con il massimo impegno e la piena dedizione”. In fabbrica, infine, la produzione di cappelli sta continuando a pieno regime.

I lavoratori non rileveranno la società

Quel che pare certo è che l’ipotesi workers buyout – cioè il rilevamento della società da parte dei lavoratori che si riuniscono in una cooperativa – non è sul tavolo. Il cappellificio di Alessandria dà lavoro a 134 persone: dal Consiglio Regionale del Piemonte, la scorsa settimana, era arrivata la disponibilità a sostenere un’operazione simile.

MARCO GRITTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *