Sempre più giovani piemontesi scelgono l’agricoltura, la storia di Anna Laiolo

Gianpaolo e Anna Laiolo

“Mi occupo dell’azienda di mio marito da circa dieci anni, da quando ho lasciato il lavoro in tabaccheria” racconta Anna Laiolo, 32 anni. “Produciamo vino a Vinchio, in provincia di Asti”.

Quando è stata avviata l’attività?

Nel 1947, abbiamo una lunga tradizione alle spalle. Mio marito ha ereditato l’azienda dalla famiglia diciotto anni fa e ora la gestiamo insieme.

Come è cambiato in questi anni il vostro lavoro?

Abbiamo dovuto far fronte ad un aumento della burocrazia e purtroppo le nostre entrate non ci consentono di assumere una persona fissa che se ne occupi. Penso sia il problema di tutte le piccole e medie imprese.

E nelle vendite?

Abbiamo deciso di puntare sul mercato estero. Da qualche anno facciamo parte di Viniveri, un consorzio di aziende vinicole medio-piccole che attira clienti da tutto il mondo. Circa il 75% della nostra produzione viene venduta oggi in Giappone, Perù, Danimarca, Germania. Ultimamente abbiamo stretto accordi commerciali anche con l’Australia.

Le ragioni di questa scelta?

E’ stata necessaria. Sul mercato italiano è molto difficile recuperare i soldi impiegati nella produzione. Il problema è che qui vengono richieste grandi quantità di prodotto e noi, come piccola azienda, non possiamo soddisfare completamente la domanda. Fuori dal nostro paese invece gli importatori non chiedono grandi numeri e sono attenti alla qualità. Continuiamo comunque ad avere in Italia tre distributori ma i ricavi maggiori vengono dall’estero.

LUCREZIA CLEMENTE
Tags from the story
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *